Burgio: «Il governo italiano agisca subito, come la Germania con Tui»

Gabriele BurgioIn una intervista al Corriere della Sera, Gabriele Burgio, ceo di Alpitour, si augura che il governo italiano abbia la forza e il coraggio di intervenire sul turismo italiano in modo forte e massiccio. «Vedo quello che hanno fatto altri Paesi come la Germania che in due settimane ha messo sul piatto un assegno da 2 miliardi per salvare il gruppo Tui, dieci volte più grande di Alpitour, con una flotta di 120 aerei contro i nostri dodici» ha detto Burgio al Corriere ed ha continuato: «È stata una scelta lungimirante da parte di Berlino perché con la ripresa Tui si confermerà il più grande gruppo europeo del turismo. Non è un intervento da poco, dietro c’è una strategia industriale del Paese che ha scelto di salvare il più grande gruppo tedesco. Storia analoga in Norvegia dove il governo supporta Norwegian Airline con 500 milioni. Nei momenti difficili si compiono le scelte strategiche. Bisognerà capire da noi che direzione si vuole prendere. L’Italia delle imprese turistiche è un mercato frammentato ma molto vivace. Bisogna supportarlo perché tornerà a crescere».
Burgio è sicuro che l’Italia una volta uscita dall’emergenza riuscirà a riprendersi e ad essere nuovamente protagonista del turismo domestico e internazionale.