Corsica Ferries e Worldrise: censire i delfini per sensibilizzare i passeggeri

Corsica Sardinia Ferries e Worldrise, che collaborano dal 2016 per promuovere la conoscenza e il rispetto del mare e dei suoi abitanti, presentano i risultati del primo censimento fotografico realizzato da maggio a ottobre 2019.  L’associazione Worldrise Onlus, impegnata nel territorio di Golfo Aranci per la salvaguardia dei delfini, nel 2019 si è posta infatti l’obiettivo di censire gli esemplari che frequentano l’area, tramite la tecnica di foto-identificazione che permette, utilizzando la foto della pinna dorsale, di riconoscere in modo individuale gli esemplari.
Per realizzarlo, Worldrise e Meris (Mediterraneo Ricerca e Sviluppo) hanno iniziato uno studio che durerà diversi anni, grazie al quale verranno censiti gli esemplari che frequentano le acque antistanti la cittadina, per quantificare il tempo che passano con loro all’interno dell’area di studio e per stabilire delle azioni di tutela.
«Sono bastati pochi mesi di monitoraggio per ottenere i primi risultati: da maggio a ottobre 2019, durante 829 ore passate in mare e 1.845 chilometri percorsi, sono stati effettuati 81 avvistamenti di tursiopi e identificati 58 esemplari, riconoscibili grazie ai segni presenti sulla pinna dorsale, equivalenti alle nostre impronte digitali – afferma la biologa marina Cristina Fiori, project manager del Golfo Dei Delfini -. Dalle analisi effettuate su questi dati, sono dieci le mamme e le zie avvistate con i cuccioli e i giovani, che sono stati incontrati per tutti i sei mesi di osservazione, con un tasso di residenza variabile, che arriva anche al 100%, e dei legami sociali forti tra loro».
«Parallelamente e per tutta la stagione – commenta Cristina Pizzutti, responsabile comunicazione e marketing di Corsica Sardinia Ferries –   un’attività di comunicazione, tramite poster informativi e incontri con i ricercatori, ha sensibilizzato i passeggeri delle Navi Gialle al rispetto degli abitanti del mare, attraverso la conoscenza dei loro comportamenti, bisogni e fragilità, affinché la condotta dell’uomo non rappresenti un rischio per questi stupendi mammiferi». Il Golfo dei Delfini ha l’obiettivo di proteggere e di trasformare il dolphin watching in un’attività sostenibile, che diventi un esempio di offerta eco-turistica, divulgativa e di sviluppo sociale.