Lazzerini, Alitalia, al mercato: “Vi dobbiamo chiarezza”

“Lungi da me dire che tutto funziona perfettamente: c’è ancora molta strada da fare. È come se avessimo spento l’incendio ma ancora ci sono tanti piccoli focolai su cui intervenire”. Con questa azzeccata metafora Fabio Maria Lazzerini, chief business officer di Alitalia, sintetizza “l’oggi” della compagnia. E, rivolgendosi al mercato, afferma “vi dobbiamo chiarezza”.
L’attesa e i dubbi ancora aperti sulla prossima scadenza del 15 ottobre non vanno comunque a incidere su quanto fatto finora: “Abbiamo ridato un’identità e una strategia alla compagnia. Alitalia oggi non è in eccellenti condizioni di salute, ma da due anni a questa parte abbiamo invertito un trend negativo, aumentando i ricavi medi e tenendo sotto controllo i costi”.
Ecco quindi ribadito l’impegno su segmenti precisi di mercato – il corporate e il leisure individuale – oltre che sul network lungo raggio. Alla già annunciata la novità su San Francisco per la simmetria 2020 – “gli Stati Uniti rappresentano il nostro secondo mercato più importante a livello mondiale” precisa Lazzerini -. A questa si affianca quella di una nuova rotta per Tokyo Haneda, “che rafforza il nostro posizionamento sul Giappone. Dallo scalo cittadino di Tokyo poi la partnership con ANA ci garantisce i proseguimenti verso le destinazioni domestiche e quelle asiatiche”.