Mazzi: «Ridiscutere il sistema delle carte di credito. Erodono marginalità»

Uno dei grandi temi di cui bisogna iniziare a parlare è il rapporto fra contanti e carte di credito. Chiaramente riferito alle agenzie di viaggio. Secondo il presidente di Fiavet Lazio, Ernesto Mazzi, si tratta di uno di quegli argomenti che stanno diventando sempre più stringenti. «Io sono favorevole alla restrizione sui contanti, che significa meno nero e meno evasione. Su questo non ci sono dubbi. Ma quello che vogliamo mettere in evidenza è la difficoltà di un settore, come quello delle agenzie di viaggio che ha dei margini bassissimi, e che vengono erosi ulteriormente dalle carte di credito».
Si tratta dina distorsione del mercato che potrebbe creare criticità drammatiche sia nelle piccole che nelle grandi agenzie. «Una cosa è un negozio di abbigliamento che ha un margine che tende ad essere del 50%, una cosa è l’agenzia di viaggio che ha marginalità esigue. Siamo intorno al 5%. Quindi o cambiano le carte di credito, o si riducono le richieste delle banche. Non c’è via di uscita. Questo è uno dei temi di fondo del nostro mercato. Se vogliamo rafforzare l’intera industria del turismo, bisogna iniziare a rafforzare chi di quella industria è ancora la spina dorsale»